Infiammare la persecuzione

Ampiamente frainteso come una protesta provocatoria contro il governo centrale di Pechino, l'appello su larga scala dei praticanti del Falun Gong nei pressi di Zhongnanhai, il 25 aprile 1999, ha portato la pratica sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo.

La maggior parte dei media ha caratterizzato l’appello come un’azione coraggiosa iniziata dal Falun Gong, alla quale la leadership del Partito Comunista Cinese (PCC) ha risposto tre mesi dopo lanciando una campagna di persecuzione a livello nazionale che continua ancora oggi.

Il problema è che questo non è vero.

SHORT: See full video about April 25th at the bottom of this page.

In realtà, una fazione all’interno della leadership del PCC ha indirizzato i praticanti del Falun Gong a presentare una petizione alla leadership di Pechino. Poi, l’ex leader del PCC Jiang Zemin ha usato l’evento per giustificare la sua campagna violenta contro i 100 milioni di persone che praticavano il Falun Gong.

Vediamo cosa è successo davvero e perché è importante.

L’incidente di Tianjin

L’11 aprile 1999, He Zuoxiu – un professore con legami con i vertici del PCC – ha pubblicato un articolo sulla rivista Youth Reader del Tianjin College of Education, intitolato “Non sono d’accordo con i giovani che praticano il Qigong”.  In questo articolo, He attaccava il Falun Gong, usando esempi che erano già stati sfatati. In realtà, il suo articolo è stato boicottato dai media e dal sistema di propaganda di Pechino perché le sue premesse erano già state dimostrate false. 

In breve: Il 25 aprile, i praticanti del Falun Gong si sono riuniti presso l’ufficio centrale degli appelli di Pechino per chiedere la fine delle vessazioni contro i praticanti e delle restrizioni alla pubblicazione degli insegnamenti del Falun Gong e il rilascio dei praticanti detenuti illegalmente. L’incontro è stato pacifico e ordinato. Quella sera, le richieste dei praticanti del Falun Gong sono state soddisfatte, i praticanti arrestati a Tianjin sono stati rilasciati e tutti sono tornati a casa.

Ciononostante, l’articolo è stato pubblicato a Tianjin e quindi alcuni praticanti di Tianjin hanno ritenuto necessario informare i funzionari di Tianjin di quanto stava accadendo.  Speravano anche di ridurre l’impatto negativo dell’articolo attraverso il contatto con i redattori della rivista.  Pertanto, dal 18 al 24 aprile 1999, alcuni praticanti si sono recati al Collegio dell’Educazione di Tianjin e ad altre agenzie governative collegate per incontrarli.

Il 23 e 24 aprile 1999, l’Ufficio di Pubblica Sicurezza di Tianjin ha inviato la polizia antisommossa per picchiare i praticanti del Falun Gong che erano venuti a fare appello, ferendoli.  La polizia ha arrestato 45 persone.  Quando altre persone hanno chiesto il rilascio dei praticanti detenuti, al municipio di Tianjin è stato detto loro che l’Ufficio di Pubblica Sicurezza era stato coinvolto nella questione, quindi i praticanti del Falun Gong arrestati non sarebbero stati rilasciati senza l’autorizzazione di Pechino.  La polizia di Tianjin ha suggerito ai praticanti del Falun Gong: “Andate a Pechino. Solo andando a Pechino si può risolvere il problema”.

Appello presso l’Ufficio ricorsi del Consiglio di Stato il 25 aprile

Quando la notizia della brutalità della polizia e degli arresti a Tianjin e la necessità di ottenere l’autorizzazione di Pechino per rilasciare i praticanti incarcerati si è diffusa in tutto il Paese, i praticanti del Falun Gong, fiduciosi nel governo centrale, hanno iniziato a recarsi di propria iniziativa all’Ufficio dei Ricorsi del Consiglio di Stato, uno dopo l’altro, a partire dalla sera del 24 aprile.  Speravano di trovare una giusta soluzione all'”incidente di Tianjin”. 

Il 25 aprile, il premier Zhu Rongji ha incontrato personalmente i praticanti del Falun Gong che erano andati in appello.

Come ricorda la signora C (pseudonimo), che vive nel distretto Haidian di Pechino: “Alle 19.00 del 24 aprile, alcuni praticanti mi hanno raccontato che i praticanti di Tianjin erano stati picchiati e arrestati. Hanno detto che alcuni praticanti volevano andare all’Ufficio ricorsi del Consiglio di Stato per riferire sulla situazione, e che chi voleva poteva andare.  Così, io e quattro o cinque praticanti abbiamo preso l’autobus e siamo arrivati all’ingresso nord del Consiglio di Stato alle 20:00 dello stesso giorno. Probabilmente siamo stati il primo gruppo di praticanti ad andare a fare appello per l'”incidente di Tianjin” e la guardia all’ingresso ci ha chiesto di cosa si trattasse”.

Il signor e la signora P (pseudonimi) del distretto Chaoyang di Pechino ricordano:  “La mattina del 25 aprile, il lato ovest di Fuyou Street era pieno di gente; non c’era nessuno dall’altro lato della strada (dove si trova il Consiglio di Stato).  I giovani praticanti si sono messi in fila davanti, lasciando aperto il marciapiede e il marciapiede speciale per i non vedenti. Dietro la prima fila di praticanti, fino all’angolo del muro, c’erano praticanti seduti.  Tutti erano molto silenziosi.  Il traffico non era ostacolato”.

Perché è importante: Il PCC ha distorto il raduno del 25 aprile come un “assedio” alla sede del governo centrale, politicizzando così il Falun Gong, sia in Cina che all’estero. Una volta che questa narrazione ha acquisito un sufficiente seguito, il PCC ha iniziato a spingere l’idea che il Falun Gong fosse in competizione per il potere con il Partito Comunista, e che quindi potesse essere considerato il “nemico pubblico n. 1”.

La signora M, che vive nel distretto di Haidian, ricorda che: “Alle 8:15 circa del 25 aprile, ho visto un gruppo di persone, tra cui il premier Zhu Rongji, uscire dall’ingresso principale (ingresso ovest) del Consiglio di Stato e attraversare la strada per posizionarsi di fronte ai praticanti che erano venuti a fare appello. I praticanti hanno iniziato ad applaudire. Il premier Zhu ha chiesto: “Perché siete qui?  Chi vi ha detto di venire qui?”. Alcuni praticanti hanno risposto: “Siamo venuti qui per denunciare la situazione del Falun Gong; nessuno ci ha organizzato”.  Il premier Zhu ha detto: “Perché non scrivete lettere di appello?  Come mai ci sono così tante persone qui?”.  Molti praticanti gli hanno risposto.  Ho sentito alcuni praticanti dire: “Abbiamo scritto lettere fino allo sfinimento, ma non abbiamo ancora ottenuto una risposta”.  Il premier Zhu ha detto: “Ho emanato una direttiva ufficiale sul vostro caso”.  I praticanti hanno risposto: “Non l’abbiamo ricevuta”.  Il premier ha chiesto ai praticanti di scegliere alcuni rappresentanti che andassero al Consiglio di Stato per spiegare ulteriormente la situazione. Diverse persone hanno alzato la mano.  Il premier Zhu ha indicato alcune persone che sono entrate nel Consiglio di Stato”.


Tre richieste dai praticanti del Falun Gong:

  • Rilascio dei praticanti del Falun Gong arrestati a Tianjin
  • Garantire ai praticanti del Falun Gong un ambiente di coltivazione libero e rilassato.
  • Permettere la pubblicazione dei libri del Falun Gong.

Il premier cinese ha risolto pacificamente entrambi gli incidenti

A mezzogiorno del 25 aprile, Li Chang e Wang Zhiwen della Società di Ricerca della Falun Dafa e altri tre praticanti di Pechino, in qualità di rappresentanti del Falun Gong, sono entrati nel Consiglio di Stato per avere colloqui con i funzionari del governo.  Hanno presentato tre richieste dei praticanti del Falun Gong.

Tra i funzionari governativi che si sono alternati nei colloqui c’erano funzionari dell’Ufficio ricorsi del Consiglio di Stato, funzionari della città di Pechino e funzionari della città di Tianjin.  Al tramonto, Tianjin ha rilasciato tutti i praticanti del Falun Gong detenuti, secondo le istruzioni del governo centrale.

Il principale leader del PCC pianifica segretamente un attacco

La sera del 25 aprile, Jiang Zemin, a nome del Segretario generale del Partito comunista, ha scritto una lettera ai membri del Comitato permanente del Politburo e ad altri dirigenti di rilievo.  Nella lettera, Jiang Zemin accusava l’esistenza di menti “dietro le quinte” dell’incidente del 25 aprile che stavano “pianificando e impartendo ordini”. (La lettera è stata contrassegnata come “altamente confidenziale” e distribuita con l’emissione [1999] n. 14 dell’Ufficio centrale del Partito comunista, intitolata “Avviso dell’Ufficio centrale del Partito comunista riguardante la stampa e la distribuzione della ‘Lettera del compagno Jiang Zemin al Comitato permanente del Politburo e ad altri compagni dirigenti preoccupati'”).

Il 7 giugno, Jiang Zemin ha tenuto un discorso alla riunione del Politburo del governo centrale e ha dichiarato: “La questione del ‘Falun Gong’ ha uno sfondo politico e sociale molto profondo e anche uno sfondo internazionale complicato… È l’incidente più grave dalle turbolenze politiche del 1989”.  Il 13 giugno, questo documento è stato trasmesso segretamente all’interno del Partito Comunista.  (Questo documento è stato classificato come altamente confidenziale e pubblicato dall’ufficio del governo centrale come [1999] n. 30, intitolato “Avviso dell’Ufficio centrale del Partito comunista sulla stampa e la distribuzione del ‘Discorso del compagno Jiang Zemin nella riunione del Politburo del governo centrale sulla gestione e la risoluzione della ‘questione Falun Gong’ senza ritardi”).

Alcuni alti funzionari del Partito Comunista hanno rivelato che nei due documenti classificati sopra citati, Jiang ha chiaramente sollevato la questione “se ci fossero connessioni all’estero e all’Occidente per l’incidente del 25 aprile e se ci fossero ‘menti’ dietro le quinte che stavano pianificando e impartendo ordini”.  Hanno rivelato la mentalità di Jiang di essere eccessivamente protettivo nei confronti del suo potere e dei suoi interessi personali e come, senza alcuna prova concreta, abbia preso l’errata decisione politica di perseguitare il Falun Gong.

Dalla fine di maggio 1999, le attività quotidiane dei praticanti del Falun Gong in molte aree sono state oggetto di dispersione forzata da parte delle agenzie amministrative cittadine e dell’Ufficio di Pubblica Sicurezza.  Gli ufficiali di pubblica sicurezza in alcune aree hanno usato tubi ad alta pressione per allontanare i praticanti e altoparlanti ad alto volume per disturbare la loro pratica.  I responsabili dei centri di assistenza del Falun Gong sono stati convocati sul posto di lavoro e dagli ufficiali di pubblica sicurezza per discussioni e interrogatori, sono stati messi sotto sorveglianza e seguiti, i loro telefoni sono stati messi sotto controllo e non è stato loro permesso di lasciare l’area locale.

Il 19 luglio, durante una riunione ad alto livello, Jiang Zemin ha annunciato ufficialmente la conferma del divieto totale del Falun Gong.  Il 20 luglio è iniziata un’ondata di arresti di praticanti del Falun Gong in tutta la nazione.


Guarda il breve documentario: La protesta che cambiò la Cina

Dieci anni dopo il massacro di Piazza Tienanmen, 10.000 praticanti del Falun Gong si sono riuniti davanti alla sede della leadership centrale cinese a Pechino. Erano venuti a presentare un appello all’ufficio centrale cinese per i praticanti che erano stati ingiustamente arrestati nella città di Tianjin, per i loro libri, che erano stati messi al bando, e per i praticanti di tutto il Paese che erano stati molestati e indagati dalla polizia. L’appello è stato accolto dall’allora premier cinese Zhu e i praticanti arrestati sono stati rilasciati. Sembrava che l’appello avesse avuto successo. Ma in realtà il tempo stava per scadere e la brutale repressione era sempre più vicina.

National Review: An Occurrence on Fuyou Street

Nessuno sapeva molto di loro, ma la portata dell’evento era scioccante: 10.000 cinesi in piedi in silenzio nella prima manifestazione di massa dopo Piazza Tienanmen.

Leggi la storia completa >>

Share