Cause legali internazionali

Le notizie quotidiane di torture e uccisioni, hanno reso chiaro che porre fine all'impunità dei colpevoli nell'ambito dell'attuale sistema legale del Partito Comunista sia impossibile.

Per prima cosa, il Partito non solo ha lanciato la persecuzione ma controlla anche i tribunali cinesi, manipolando regolarmente i casi politicamente sensibili. I praticanti del Falun Gong in Cina che hanno cercato di fare causa ai funzionari responsabili della loro persecuzione sono stati arrestati.

Allo stesso tempo, la Cina non ha aderito alla Corte penale internazionale e le Nazioni Unite non hanno istituito un tribunale speciale per i crimini contro l’umanità commessi contro il Falun Gong, sulla stessa linea di quanto fatto per gli eventi in Ruanda o nella ex Jugoslavia. Il Falun Gong ha quindi iniziato a cercare giustizia nei tribunali nazionali al di fuori della Cina.

Nel 2001, gli aderenti al Falun Gong hanno intentato la prima causa di questo tipo in un tribunale di New York contro Zhao Zhifei, capo della Pubblica Sicurezza della provincia di Hubei. L’accusa era di aver torturato e ucciso una madre e suo figlio mentre erano in custodia della polizia (articolo).

Un anno e mezzo dopo, un gruppo di avvocati ha presentato una denuncia presso un tribunale di Chicago contro l’ex leader cinese Jiang Zemin, accusandolo di torture, crimini contro l’umanità e genocidio durante la campagna da lui lanciata, volta a sradicare la disciplina spirituale (articolo).

Nel 2007, sono state presentate oltre 70 denunce civili e penali contro funzionari cinesi in più di 30 tribunali nazionali in sei continenti, a nome delle vittime del Falun Gong perseguitate in Cina.

Un gruppo di avvocati per i diritti umani di fama internazionale si è unito a questo sforzo, molti dei quali volontariamente. Tra gli avvocati ci sono l’ex presidente del Tribunale speciale per la Sierra Leone Geoffrey Robertson e Georges-Henri Beauthier, noto soprattutto per il suo ruolo nel portare avanti le accuse contro l’ex dittatore cileno Augusto Pinochet.

Considerando l’influenza geopolitica del PCC e i suoi sforzi volti a insabbiare queste denunce, le azioni legali hanno avuto più successo di quanto ci si potesse aspettare inizialmente.

Innanzitutto, i tribunali statunitensi hanno emesso sentenze contro i funzionari cinesi in diverse cause civili. Nel novembre 2001, il giudice della prima causa citata in precedenza ha dichiarato Zhao colpevole e ha concesso un risarcimento del danno, con una sentenza di contumacia. Nel dicembre 2004, un giudice di San Francisco di origine cinese ha dichiarato l’ex sindaco di Pechino Liu Qi colpevole di tortura (articolo). Liu è stato il presidente del Comitato organizzatore dei Giochi olimpici di Pechino (articolo).

In secondo luogo, nel luglio 2004, l’ex ministro dell’Istruzione cinese Chen Zhili è stato costretto a comparire in un tribunale della Tanzania dopo essere stato citato in giudizio per tortura (articolo). Quattro mesi dopo, un tribunale dello Zambia ha emesso un mandato di arresto per un governatore provinciale in visita. È fuggito oltre il confine prima che la polizia potesse catturarlo (articolo).

Infine, le prove informali raccolte indicano che la campagna legale e la prospettiva di dover rispondere delle proprie azioni stanno avendo un effetto deterrente sul campo: secondo quanto riferito, Jiang e alcuni colleghi temono di lasciare la Cina e altri funzionari hanno preso le distanze dalla persecuzione del Falun Gong.

Tuttavia, le azioni legali hanno anche incontrato delle sfide, spesso legate agli interessi dei vari Paesi verso la “potenza in ascesa”. Così, il ramo esecutivo degli Stati Uniti ha raccomandato di concedere l’immunità a Jiang Zemin, una mossa che è stata osteggiata dai principali esponenti dei diritti umani del Congresso, come Tom Lantos (articolo). Anche le autorità giudiziarie danesi si sono astenute dall’arrestare un ex ministro della Pubblica sicurezza, nonostante gli obblighi previsti dalla Convenzione contro la tortura.

Nonostante questi ostacoli, la ricerca di giustizia continua. In uno degli ultimi sviluppi, sono in corso indagini giudiziarie in Spagna e in Argentina contro funzionari cinesi di alto livello, Jia Qinglin e Luo Gan, per genocidio (articolo). Nel giugno 2007 è stata presentata una nuova causa a Hong Kong da un uomo che ha trascorso cinque anni in una prigione cinese, dove è stato sottoposto a torture per aver cercato di denunciare gli stessi funzionari in Cina.

Share